La tortura: il dilemma dei prigionieri e degli Stati Uniti

di Mauro Gilli

Alla fine del mese di settembre, il Congresso americano ha approvato una nuova normativa riguardante la detenzione di terroristi stranieri catturati. Essa ha sollevato molte polemiche in quanto, tra le altre cose, accetta implicitamente le misure di coercizione fisica e psicologica (tortura) praticate in prigioni situate all’esterno del territorio statunitense.

Continua a leggere “La tortura: il dilemma dei prigionieri e degli Stati Uniti”