Così la politica italiana si è nascosta dietro l’equivoco del vincolo esterno

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Dieci anni addietro, di questi tempi, il sottoscritto stava osservando il processo di progressiva demolizione del governo Berlusconi per mano dello spread e dei mercati finanziari. Un crescendo di devastazione causata dalla devianza del nostro paese rispetto alla ortodossia pro tempore vigente entro l’Unione europea e ai due paesi che da sempre ne rappresentano il fulcro politico: Germania e Francia. Dopo il default della Grecia, pareva giunto il turno di un paese ben più grande e sistemico.

Continua a leggere “Così la politica italiana si è nascosta dietro l’equivoco del vincolo esterno”

I due negoziati cruciali per l’Italia

Malgrado il time-out pandemico alle regole europee, i nodi restano

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Nei giorni scorsi si è avuta l’ennesima fumata nera per la creazione di un’unione bancaria europea, dotata di assicurazione comune dei depositi. Il motivo dello stallo è sempre quello: i tedeschi, e non solo loro, non intendono affrontare questo argomento prima che altri paesi abbiamo risolto il nodo banco-sovrano, cioè la presenza negli attivi delle banche di ampie quote di debito pubblico nazionale.

Continua a leggere “I due negoziati cruciali per l’Italia”

La proposta di Letta contraddice lo spirito del governo Draghi

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

La proposta del segretario del Partito democratico, Enrico Letta, di istituire una vera e propria imposta di scopo aumentando la tassazione su successioni e donazioni e destinando il gettito al futuro dei giovani di quella che, con spunto di marketing politico non troppo felice, viene definita “generazione Covid”, rappresenta certamente un ottimo spin, di quelli che catturano il discorso pubblico e monopolizzano il suo sfibrante dibattito per qualche tempo. Su piani più sostanziali, l’idea appare coerente con quella visione di breve e brevissimo termine che la politica rimprovera alla finanza.

Continua a leggere “La proposta di Letta contraddice lo spirito del governo Draghi”

Il dito indica l’inflazione, il saggio guarda salari e mercato del lavoro

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Prosegue il dibattito, tra mercati e politica, sul rialzo dei prezzi che un po’ ovunque si sta manifestando. La Federal Reserve statunitense e la Bce continuano a considerarlo temporaneo e a non ritenere quindi imminente l’inizio di un ciclo restrittivo di politica monetaria. Gli investitori temono che questa posizione costringerà le banche centrali a dover inseguire i prezzi sfuggiti di mano, con gravi danni per l’economia in un mondo sovraccarico di debito, emesso in questi anni di costo del denaro sottozero.

Continua a leggere “Il dito indica l’inflazione, il saggio guarda salari e mercato del lavoro”

Il debito per ora è “buono”

Ma non si può vivere per sempre di sussidi

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Mario Draghi ha ribadito che, oggi, deficit e debito non sono un problema, vista l’emergenza pandemica e la volontà di Ue e Bce a sostenere l’economia. Oggi il debito è ancora in prevalenza classificabile come “buono”, per usare la ormai celebre tassonomia dello stesso Draghi, perché finalizzato al sostegno di sussistenza di persone a cui la pandemia ha tolto pressoché tutto, senza colpe.

Continua a leggere “Il debito per ora è “buono””

Perché Biden preferisce alzare le tasse per pagare il suo piano

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Il piano infrastrutturale, chiamato simbolicamente American Jobs Act, presentato dal presidente degli Stati Uniti vale 2.250 miliardi su un arco temporale di otto anni e contiene in prevalenza interventi sulle infrastrutture fisiche: ponti, strade, autostrade, trasporto pubblico, ferrovie, stazioni di ricarica per veicoli elettrici, ammodernamento della rete elettrica, diffusione della banda larga e molto altro. Il finanziamento di tali misure è previsto lungo un arco di quindici anni, attraverso l’aumento dell’imposta sulle società dal 21 al 28% e l’innalzamento della cosiddetta minimum tax sui profitti internazionali al 21% dal 13% circa attuale.

Continua a leggere “Perché Biden preferisce alzare le tasse per pagare il suo piano”

Il fantasma dell’inflazione che aleggia tra mercati e banche centrali

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

È in corso un braccio di ferro, tra mercati finanziari e banche centrali. Soprattutto una, la più potente del pianeta, la Federal Reserve americana. Un braccio di ferro che ha al centro un fenomeno di cui ci eravamo scordati e che ora è balzato ai primi posti delle consultazioni sui motori di ricerca: l’inflazione.

Continua a leggere “Il fantasma dell’inflazione che aleggia tra mercati e banche centrali”

I conti correnti gonfiati dal Covid fanno gola a molti

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

La pandemia ha una costante, in ogni paese: la forte accumulazione di risparmio liquido. Conseguenza del blocco di attività, che ostacola alcune spese per consumi, e dei sussidi pubblici erogati. Ci si interroga sulla direzione che questa liquidità congelata prenderà quando avremo la pandemia alle spalle, e i mercati stanno già preoccupandosi di pressioni inflazionistiche da domanda di consumi. 

Continua a leggere “I conti correnti gonfiati dal Covid fanno gola a molti”

Draghi potrà -forse- aiutare l’Italia a capire cosa è l’Europa

Vittimismo e protezionismo non sono la risposta al contesto europeo e globale

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Mentre i partiti si stringono a coorte di Mario Draghi in quello che appare in alcuni casi un voltafaccia da treccartari di strada, e in attesa di leggere il programma dell’ex presidente della Bce per valutarne ampiezza e profondità e comprendere quali e quanti rospi i partiti dovranno a turno baciare o ingerire, è utile alzare lo sguardo sulla prospettiva “europea” del nostro paese, quella sorta di parola magica grandemente fraintesa e utilizzata come una clava o un passepartout da una classe politica che morirà di tatticismo portandosi dietro il paese. 

Continua a leggere “Draghi potrà -forse- aiutare l’Italia a capire cosa è l’Europa”