Il vero rischio di stigma per l’Italia è quello della bassa crescita

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Sembra trascorsa un’era geologica da quando il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, sognava a occhi aperti una manovra a saldo zero. Come ogni anno, ci sono incognite relative ai conti dell’anno successivo ma, ancor di più, al quadro del triennio dipinto dalla Nota di aggiornamento al Def (Nadef).

Continua a leggere “Il vero rischio di stigma per l’Italia è quello della bassa crescita”

Il conto degli aiuti di stato, prima o poi arriva. E lo paghiamo noi

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

La Commissione europea ha posto in pubblica consultazione le proposte di modifica alla disciplina temporanea degli aiuti di stato, introdotta lo scorso 19 marzo per sostenere l’economia a fronte della pandemia di Coronavirus. L’allentamento delle norme sugli aiuti pubblici era prevista scadere il prossimo 31 dicembre ma sarà prorogata di sei mesi.

Continua a leggere “Il conto degli aiuti di stato, prima o poi arriva. E lo paghiamo noi”

Joe Biden riuscirà a controllare gli eccessi di Wall Street?

di Mario Seminerio – Domani Quotidiano

Se Joe Biden dovesse diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti, magari con un Congresso a controllo democratico, il tema di “che fare con Wall Street” tornerà a porsi con forza. Il dibattito riguarda vari aspetti, per esempio quello dell’antitrust, che negli ultimi decenni ha poggiato su cosiddetto welfare del consumatore, cioè prezzi bassi e calanti, Secondo tale argomentazione, l’intervento dell’antitrust, alzando i prezzi, avrebbe danneggiato i consumatori e frenato l’innovazione, tenendo in vita aziende inefficienti.

Continua a leggere “Joe Biden riuscirà a controllare gli eccessi di Wall Street?”

Il Paese imbalsamato

di Mario Seminerio – Domani Giornale

Attendendo il vaccino o la cura per il Covid, è ormai chiaro che il destino dell’Italia sarà legato al modo in cui il paese uscirà dalla crisi sanitaria. Cioè se troverà modo per rigenerarsi, oppure proseguirà nella coazione a ripetere che da lustri genera una politica economica fallimentare, in termini di qualità della spesa pubblica e di capacità di adattarsi ai mutamenti del contesto globale. Perché il problema esistenziale italiano può essere letto proprio in chiave evoluzionistica: incapacità di adeguamento all’ecosistema economico globale. 

Continua a leggere “Il Paese imbalsamato”

Andrea e Mauro Gilli su The Economist

di Redazione Sull’ultimo numero del settimanale britannico The Economist, si può trovare un articolo dal titolo “Recruits to America’s armed forces are not what they used to be”, le reclute delle forze armate americane non sono più quelle di una volta. L’articolo è quasi interamente dedicato ad una ricerca svolta da Andrea Asoni, Andrea Gilli, … Continua a leggere Andrea e Mauro Gilli su The Economist

Intelligenza Artificiale, realtà politiche e implicazioni per gli apparati di sicurezza

Sull’ultimo numero della rivista Gnosis, la pubblicazione ufficiale dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna (AISI, l’intelligence italiana), Andrea Gilli ha scritto un articolo sull’intelligenza artificiale, sulle sue conseguenze politiche e sulle implicazioni per gli apparati di sicurezza. Continua a leggere Intelligenza Artificiale, realtà politiche e implicazioni per gli apparati di sicurezza

Non è colpa di Trump se il trattato sui missili del 1987 è decaduto

di Andrea Gilli e Mauro Gilli – Il Foglio Venerdì 2 agosto è formalmente decaduto il trattato Inf (Intermediate-range nuclear forces), il trattato firmato nel 1987 e che mette(va) al bando i missili terra-terra con un raggio tra i 500 e i mille chilometri (corto raggio) e quelli tra i mille e i 5.500 chilometri … Continua a leggere Non è colpa di Trump se il trattato sui missili del 1987 è decaduto

Capire la Trumpeconomics

Un deficit spending pro-business e pro-ciclico è la ricetta di The Donald. Quale futuro per gli Usa: dal “socialismo per le imprese” a quello per le persone?

di Mario Seminerio – Il Foglio

La politica economica di Donald Trump è sin qui stata un tentativo di rivitalizzare la old economy ma senza particolare successo, come del resto era logico attendersi. La tecnologia evolve e lascia sul campo di battaglia molte figure professionali e molte storie personali, che devono essere aiutate in modi differenti dal vagheggiato ritorno di carbone e acciaierie.

Continua a leggere “Capire la Trumpeconomics”