La meccanica dei cambi fissi

di Mario Seminerio  Vi siete mai chiesti come è possibile che l’acquisto di un computer (o di calzature, magliette ed altro) cinese da parte di un cittadino statunitense tenda a tradursi in un importo equivalente in debito statunitense verso il governo cinese? Supponiamo che la Cina abbia un tasso di cambio fisso. Questo è stato…

La guerra in Iraq e gli effetti sul terrorismo

di Mauro Gilli Il New York Times, qualche giorno fa, ha reso note le conclusioni di un rapporto interno dell’intelligence americana (che sarà accessibile a ridosso delle elezioni di metà legislatura, a novembre) secondo le quali la guerra in Iraq, invece di ridurre la minaccia terroristica, non avrebbe fatto altro che aumentarla.

“Arrivi a fine mese?”: una ipotesi di lavoro

di Antonio Mele Una popolare campagna politica dei DS di qualche mese fa recitava proprio cosí. La campagna si basava su uno studio condotto da Bersani e altri sulle famiglie italiane, studio che rilevava la difficoltá delle famiglie meno abbienti a comprare beni di prima necessitá nell’ultima settimana del mese. Ricorderanno i nostri lettori anche campagne…

L’India, gli Usa e il fattore Teheran

di Andrea Gilli e Daniele G. Sfregola La recente approvazione americana del disegno di legge d’attuazione dell’accordo di cooperazione nucleare con l’India ha segnato un passaggio significativo per la repentina evoluzione dei rapporti bilaterali tra Washington e New Delhi. Il riconoscimento dello status nucleare di New Delhi suggerisce la volontà di Washington di far entrare l’India…

Welfare, una partita di giro

di Mario Seminerio Secondo voi, quanti sono i cittadini tedeschi che dipendono dallo stato? Da un grande paese industrializzato, con forte vocazione all’export, ci si potrebbe attendere un numero piuttosto contenuto, nell’ordine del 20 per cento, giusto? Sbagliato. Secondo un recente studio della Bild Zeitung, che cita dati dell’Ufficio Federale di Statistica, circa il 42…

Elezioni e riforme in Svezia

di Andrea Asoni La Svezia è, non a torto, considerata uno dei paesi più socialisti d’Europa. Il governo preleva poco più del 50% della ricchezza nazionale sotto forma di tasse (si consideri che lo stesso dato in Italia è intorno al 42% e negli Stati Uniti intorno al 25%). L’aliquota marginale sul reddito personale più alta…