La giornata choc del gestore di fondi