La colpa non è delle agenzie di rating, ma della cattiva politica