Standard & Poor’s è credibile, il governo no