La lezione irlandese per il debito dell’Italia