Quel fallimento “forzato” di Obama