Rischiano anche i conti degli stati