L’affondamento

2 pensieri su “L’affondamento”

  1. L’articolo non assegna paternità “temporali” al deterioramento della posizione di business friendliness italiana, ma valuta se le misure di “riforma” introdotte nell’ultimo anno dall’esecutivo italiano si inseriscano nel mainstream dei paesi che hanno efficacemente riformato e liberalizzato i singoli ambiti di operatività. I capitoli (e le ricette di intervento) sono lì da leggere: (“How to reform”). Se poi vogliamo cadere nell’abituale giochino di società tribale, credo che otterremo solo di sprecare il nostro tempo. Ma posso essere smentito: magari l’anno prossimo, grazie all’aumento della contribuzione previdenziale su parasubordinati e all’eliminazione di job-on-call e staff leasing l’Italia balzerà intorno alla trentesima posizione del ranking, chissà.
    Per il momento, godiamoci il trend di produzione industriale. Quella tedesca, intendo, il cui dato di giugno è in pubblicazione domani, martedì 7 agosto.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.