L’Italia tra l’Iran e il Libano

Un pensiero su “L’Italia tra l’Iran e il Libano”

  1. E’ tutto condivisibile quello che tu dici. Una sola postilla. I governi progressisti, e sopratutto in un Paese a grossa instabilità politica come il nostro, tendono ad andare oltre quello che notoriamente è chiamato in dottrina “interesse nazionale”. Pur di accreditarsi il consenso della Comunità internazionale e dell’opinione pubblica, sono portati molto spesso a forzare la mano cercando una visibilità che molto spesso risulta poi inutile o addirittura ritorsiva. Non so se sia il caso del Libano. E’ troppo presto ancora. Auspico da italiano però che il nostro Governo “non faccia il passo più lungo della sua gamba”.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.