Non è colpa della Germania: dietro la frenata dell’economia c’è la politica