La debolezza del dollaro resta una garanzia di emicrania per la Bce