Tasse e crescita, il governo inventa il moto perpetuo