Cambiano i governi, resta la linea: trovare scuse per la ripresa che non c’è