Il disastro brasiliano è solo all’inizio ma la colpa non è del liberismo