La “ripresina” è più fragile di quello che continua a raccontare il governo