Finlandia cocciutamente austera: ci sarà lieto fine?