Categorie
Andrea Gilli

Chi si sente sicuro?

di Andrea Gilli

Nei giorni scorsi, i media stranieri hanno riportato un’interessante notizia: al-Qaeda avrebbe progettato di compiere in Europa un attacco simile a quello portato a termine a Mumbai nel novembre 2008.

Ricordate? Un commando terrorista raggiunge un Paese straniero attraverso piccole imbarcazioni veloci. Raggiunge un porto importante e poi, una volta a terra, inizia a sparare all’impazzata fino a quando, braccato, non si fa saltare in aria con la dinamite. Scene da film che però, a Mumbai, sono davvero accadute.

Il fatto che al-Qaeda volesse compiere un attacco simile in Europa è abbastanza interessante, specie dalla prospettiva italiana.

Niente allarmismi, per carità. Ma ragioniamo. Due anni fa, un barcone di immigrati è arrivato fino a Latina, indisturbato. Nessuno se n’è accordo. A inizio anno, una nave da crociera è andata a sbattere contro degli scogli. In qualsiasi Paese, la guardia costiera ha la strumentazione per prevenire un tale incidente. In Italia, si è saputo dopo, questa strumentazione è ancora in corso di sviluppo. Il risultato sono quelle immagini impressionanti della nave della Costa Crociera appoggiata al fondale marino di fronte all’Isola del Giglio.

Dati i precedenti, è difficile pensare che le nostre autorità sarebbero in grado di prevenire lo sbarco di un gruppo terrorista. A quel punto, la nostra unica difesa sarebbe solo costituita dalla tempestività e dall’efficacia dell’intervento delle nostre forze di polizia. In città con un traffico elevato, alta densità della popolazione e vie molto strette quali Genova o Napoli, inevitabilmente ci vorrebbero ore per braccare un commando.

Fermiamoci qui.

Di Mario Seminerio

Nato a Milano. Laureato all'Università Bocconi. Ha venticinque di esperienza presso istituzioni finanziarie italiane ed internazionali, dove ha ricoperto ruoli di portfolio manager, analista macroeconomico e portfolio advisor. Attualmente responsabile investimenti di un'importante corporate italiana. Giornalista pubblicista, collabora o ha collaborato con Il Foglio, Il Fatto Quotidiano, il Tempo, Linkiesta.it. A ottobre 2012 ha pubblicato il libro "La cura letale" (Rcs-BUR), sulla crisi di debito sovrano in Eurozona ed il futuro dell'Italia. Ogni sabato dalle 8 alle 10 conduce, con Oscar Giannino, Carlo Alberto Carnevale Maffè e Renato Cifarelli, la trasmissione "Le Belve", su Radio Capital.

2 risposte su “Chi si sente sicuro?”

ci furono notizie in tal senso qualche anno fa su piani ideati da bin laden e al awlaki
Uno fu anche sventato
Sicuramente la nostra intelligence avra’ fornito elementi al riguardo e ci sara’ un piano di difesa

Non discuto. Dico che, visti i precedenti, se il piano riesce ad essere lanciato, mi sembra che le nostre coste non siano molto impermeabili…

I commenti sono chiusi.