L’Europa paga il conto tedesco