Con o senza Fiat, per il futuro della Fabbrica Italia serve una vera riforma della contrattazione