Categorie
Andrea Gilli Mauro Gilli Relazioni Internazionali

Perché bisogna trattare con l’Iran

di Andrea Gilli e Mauro Gilli

Dopo il grande scossone delle elezioni di mid-term tenutesi la scorsa settimana, anche la Casa Bianca ha iniziato a ragionare sull’opportunita’ di trattare con Tehran. Nonostante alcuni tentennamenti, la strada verso il dialogo con gli ayatollah pare essere sempre più vicina, almeno stando ad alcune indiscrezioni.

Categorie
Daniele G. Sfregola Relazioni Internazionali

IDEAZIONE.COM: Alla riscoperta del liberalismo realista

di Daniele G. Sfregola

Nello splendido “Lo scopo della politica americana”, Hans Morgenthau si pone retoricamente il seguente quesito: “La libertà individuale è più importante della sicurezza nazionale, senza la quale non ci sarà affatto libertà?”. Non si tratta di un esercizio accademico. Il tema rappresenta, probabilmente, il vulnus storico della filosofia liberale. Questo perché lo “stato di guerra” è per definizione una minaccia per la libertà individuale. Eppure, insieme al commercio, la guerra è la più antica e la principale delle interazioni fra gruppi distinti di esseri umani.

Continua a leggere su Ideazione.com

Categorie
Contributi Esterni Relazioni Internazionali

La Bulgaria elegge il presidente della stabilizzazione

di Filippo Salone*

La Bulgaria ha scelto di dare continuità democratica al suo percorso di modernizzazione che nel prossimo gennaio la porterà all’ingresso nell’Ue. E proprio puntando su questa linea guida promossa già nel corso del suo primo mandato Gheorghi Parvanov è stato rieletto con più del 75% delle preferenze Presidente della Repubblica. Forte dello schieramento di area liberal-socialista saldatasi al suo fianco, che è anche coalizione di governo ed espressione dell’attuale primo ministro, Parvanov non ha avuto particolari problemi a battere al ballottaggio il candidato ultranazionalista xenofobo Volen Siderov fermatosi al 24%.

Categorie
Mauro Gilli Relazioni Internazionali

L’addio di Rumsfeld: la fine di un’era

di Mauro Gilli

Con le dimissioni di Donald Rumsfeld dalla carica di Segretario alla Difesa dovute al successo del partito democratico alle elezioni di mid-term, finisce un’era. Un’era che è iniziata nelle ore successive all’11 settembre, e che è durata fino ad oggi. La fine di una politica estera basata spesso, forse troppo spesso, su formule adiplomatiche, e sulla convinzione che la forza militare impiegata in guerra potesse essere sufficiente per garantire agli Stati Uniti il raggiungimento dei loro obiettivi.

Categorie
Andrea Gilli Relazioni Internazionali

Finalmente

di Andrea Gilli

Meglio tardi che mai. Così recita l’adagio popolare che accoglie con un misto di soddisfazione e sollievo l’arrivo di una notizia o di un evento tanto atteso quanto ritardato.Meglio tardi che mai, dunque: non possiamo proprio accogliere altrimenti la ritirata strategica di Donald Rumsfeld dal Pentagono.

Categorie
Andrea Gilli Relazioni Internazionali

L’Afghanistan, l’Italia e le relazioni transatlantiche

di Andrea Gilli

Mentre i nostri servizi segreti lavoravano per liberare l’ennesimo ostaggio italiano, questa volta catturato in Afghanistan, nel nostro Paese si è parlato del deterioramento della situazione nel Paese ex-dominio dei talebani.

Per primo è intervenuto il Ministro degli Esteri D’Alema, oramai due settimane fa, confermando sostanzialmente questa dato di fatto. Poi è intervenuto il suo sottosegretario Gianni Vernetti, che sabato scorso ha chiesto una Conferenza di Pace per l’Afghanistan, sulla scia del “successo” di quella organizzata per il Libano alla fine di luglio.

Categorie
Mauro Gilli Relazioni Internazionali

La condanna di Saddam e il giudizio di Sergio Romano

di Mauro Gilli

Dopo la condanna a morte inflitta a Saddam Hussein da un tribunale iracheno si sono alzate molte voci polemiche. La sentenza, d’altronde, rappresenta un punto centrale di uno degli eventi internazionali più controversi degli ultimi anni, la guerra in Iraq, e tanta attenzione sembra dunque naturale. Sergio Romano, sul Corriere della Sera (5 novembre), ha espresso dei giudizi molto critici sul processo in sè. Ci permettiamo di rispondere alle sue tesi.

Categorie
Andrea Gilli Relazioni Internazionali

La superpotenza spaziale

di Andrea Gilli 

Il Washington Post di alcuni giorni fa riportava la notizia secondo la quale gli Stati Uniti vorrebbero “conquistare le spazio”. Con la revisione del Presidential Decision Direct/NSC-49/NSTC-8, National Space Policy del 14 settembre 1996, la Casa Bianca ha infatti sancito alcuni punti cardine sui quali si baserà la sua nuova politica spaziale che va appunto nella direzione del “dominio”.

Categorie
Daniele G. Sfregola Relazioni Internazionali

DISCUSSION PAPER: “La Corea del Nord e l’Equilibrio delle Forze in Asia Orientale”

di Daniele Sfregola

Pochi giorni fa Epistemes.org ha presentato il primo numero della collana economica di Discussion Paper a firma di Pierangelo De Pace. Oggi è il turno del primo numero della collana di Relazioni Internazionali, un approfondimento sulla crisi nucleare che coinvolge la Corea del Nord e, di riflesso, l’intera regione dell’Asia orientale.

Categorie
Mauro Gilli Relazioni Internazionali

Cosa significa un seggio al Consiglio di Sicurezza?

di Mauro Gilli

A metà luglio, un gruppo di studenti dell’Università Bocconi andò a visitare la sede del Palazzo di Vetro e la Missione Permanente d’Italia, che le è situata esattamente di fronte. Quest’ultima organizzò una mini-conferenza con lo scopo di spiegare agli studenti che cosa è l’ONU, come funziona e qual è il ruolo dell’Italia al suo interno. Al termine della conferenza, uno degli studenti chiese per quale motivo tanti Paesi si impegnassero tanto per ottenere uno dei seggi a rotazione all’interno Consiglio di Sicurezza, quando il potere è nelle mani dei membri permanenti, che detengono il diritto di veto.