Obama alla guerra di Russia: Alcune perplessità

di Andrea Gilli e Mauro Gilli – Strade

Due giorni fa l’amministrazione Obama ha deciso di espellere 35 diplomatici russi dagli Stati Uniti. La sanzione arriva come risposta all’interferenza russa nelle elezioni americane. Onestamente, siamo un po’ perplessi da quanto sta succedendo. Pur non avendo condotto ricerca nel campo dell’intelligence, i recenti sviluppi sollevano, secondo noi, una serie di interrogativi interessanti.

Continue reading “Obama alla guerra di Russia: Alcune perplessità”

Lo studente che vendeva merendine e la scuola dei mediocri

di Andrea e Mauro Gilli – @Strade

Nel settembre 2015 Ahmed Mohammed, un liceale di Dallas, portò a scuola l’orologio che aveva costruito artigianalmente a casa. Docenti e compagni si allarmarono, confondendo il congegno con una bomba e così il giovane Ahmed venne addirittura ammanettato. Dal presidente Barack Obama al fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, lo studente ricevette immediato supporto morale.

L’arresto sollevava infatti due questioni fondamentali legate alla stessa identità americana. Da una parte, c’era una chiara questione etnico-religiosa: se il giovane Ahmed si fosse chiamato Robert Hyde pochi si sarebbero probabilmente sentiti minacciati dalla sua invenzione. L’America però è storicamente stata un Paese di approdo per sfuggire le persecuzioni religiose e dunque questa deriva potenzialmente islamofoba è una minaccia per i suoi valori fondanti. Dall’altra, c’era però anche una questione di innovazione e imprenditorialità. La stessa innovazione su cui si è sviluppata la società americana e che ha permesso all’America di diventare il Paese più ricco e potente al mondo grazie a personaggi quali Steve Jobs, Elon Musk, Bill Gates e molti altri. Ma se l’America inizia a punire chi si pone dei limiti e cerca di superarli, prima o poi questa smetterà anche di essere l’America.

Abbiamo aperto questa parentesi perché la storia è, per certi versi, tremendamente simile a quella registrata di recente a Torino, dove un giovane studente dell’Istituto Pininfarina è stato sospeso da scuola dopo aver creato un mercato nero delle merendine. Si noti come lo studente sia recidivo: avrebbe tenuto la stessa condotta lo scorso anno, contribuendo così alla sua bocciatura (almeno secondo la stampa locale). La scuola ora starebbe pensando ad una punizione esemplare. Tutta la vicenda per noi è indecente. Una punizione è necessaria, ma per i docenti, non certo per il giovane e intraprendente studente.

In primo luogo, c’è un chiaro problema istituzionale. La scuola dovrebbe occuparsi di formare gli studenti per il mondo del lavoro e per la loro vita. Che uno studente venga sospeso (e forse anche bocciato – non lo sappiamo, ci fermiamo alle informazioni disponibili) per via di una sua condotta che ha creato del benessere senza nuocere praticamente a nessuno, è sconvolgente. Ammesso e non concesso che lo studente fosse nel torto, da questi nuovi – e autoproclamatisi – detentori della verità pubblica (i suoi docenti), ci aspetteremmo la volontà di correggere, non punire, gli errori.

In secondo luogo, c’è un problema culturale. Il comportamento dei docenti incarna perfettamente il cancro che sta ammazzando l’Italia: l’dea che l’innovazione debba essere autorizzata e regolamentata. Lasciamo perdere che Warren Buffet, uno dei più ricchi uomini al mondo, iniziò la sua carriera di investitore smerciando gazzosa, proprio come il giovane studente del Pininfarina. E lasciamo pure perdere che, stando alla prospettiva dei docenti, gli schiavi non dovevano ribellarsi in quanto la schiavitù era regolare in quanto sancita per legge. Il problema di fondo è che l’evoluzione umana è proceduta storicamente disintegrando le regole esistenti, non rispettandole. Il contrabbando e la pirateria, favorendo la creazione di un sistema di prezzi internazionali, hanno progressivamente indebolito le pretese dello Stato assoluto – che invece fondava il suo potere su prezzi centralizzati – e così favorito in ultima istanza la democrazia in Europa: possibile che nessun docente della scuola ne sia al corrente? Allo stesso modo, nessuno dei docenti di storia della scuola è a conoscenza del fatto che stringenti regole contro l’imprenditorialità sono alla base del declino italiano alla fine del Rinascimento?

Il dramma purtroppo non si ferma qui. Secondo il preside della scuola, lo studente sarebbe stato punito anche a fini “rieducativi”, ovvero per insegnargli la legalità. Vendere merendine a scuola, secondo il suddetto, non sarebbe un’attività legale. Su quali basi il preside giunga a queste conclusioni non ci è dato saperlo. Ci chiediamo se il preside abbia mai comprato un libro usato ad una bancarella, su amazon o su ebay: i venditori avevano una licenza? Quindi dove si troverebbe la differenza tra queste attività – tutte legali – e quanto fatto dallo studente? Qui scorgiamo due problemi enormi. Da una parte c’è la pericolosa pretesa di trasformare la propria etica personale in legge, peraltro senza conoscerla a fondo. Dall’altra, c’è la preoccupante tentazione di arrogarsi poteri e diritti senza le necessarie competenze: siamo sicuri che, in caso di manifesta illegalità, la scuola sia chiamata a sanzionare e non invece a contattare le autorità competenti? Non vorremmo che qui ad aver commesso l’illecito sia qualcun altro…

A proposito di legalità, inoltre, vorremmo anche chiedere al preside quanti docenti ha punito, negli ultimi anni, per essersi assegnati liberamente ore di supplenza fittizie con il solo scopo di incrementare il proprio stipendio. Pratica – questa sì – illegale e purtroppo non solo molto diffusa, ma anche raramente sanzionata. Ci aspettiamo decine di segnalazioni agli organi competenti data la presenza di un tale integerrimo sceriffo della legalità.

Infine, c’è un problema economico e industriale. Abbiamo fatto prima i nomi di Zuckerberg, Jobs, Gates, Musk. La lista potrebbe però andare avanti per paginate. Quanti sono gli italiani che hanno creato innovazioni rivoluzionarie negli ultimi decenni? Ce ne sono pochi, e quei pochi – con alcune lodevoli eccezioni – non stanno certo in Italia. Ciò non stupisce. La scuola italiana, da questa esperienza, ne esce male: anzi, malissimo. Quando Zuckerberg studiava ad Harvard, gli dissero che l’università voleva aiutarli ad inventarsi, non a trovare, un lavoro. La scuola italiana riesce non solo a fare l’opposto, ma pure a fare peggio: questa punisce gli spiriti creativi e appassionati per premiare i mediocri. In questo caso si parla di merendine e bevande analcoliche. Ma la situazione non sarebbe stata diversa se lo studente avesse inventato un’azienda come Uber ($51 miliardi di valore). Nell’era oramai tramontata dei travet che lavorano per la grande industria, il modello scolastico basato sulla supina obbedienza poteva forse anche funzionare.

Nell’era dell’informazione e dell’innovazione orizzontale, un tale approccio non può che portare al collasso economico-sociale di un Paese. Cosa fare, dunque? Il primo ministro Renzi ha più volte, direttamente o indirettamente, imitato Barack Obama. Secondo noi, non dovrebbe farsi fuggire questa occasione. Inviti lo studente a Palazzo Chigi. Gli chieda scusa e poi dia una punizione esemplare ai docenti coinvolti.

Per quanto riguarda lo studente, vorremmo usare molte parole per qualificare i suoi docenti, ma siamo limitati dal codice penale e precisamente dalla sezione relativa alla diffamazione. Comprendiamo bene la sua frustrazione, e quella di suoi altri colleghi, che devono confrontarsi giornalmente con individui intenti ad imporre la propria mediocrità sugli altri. L’unica consolazione è che tale mediocrità non è per nulla scontata: taluni la hanno elevata a proprio stile di vita (i docenti in questione), altri invece la vivranno solo come un breve periodo della propria vita (gli studenti) che presto lasceranno alle loro spalle.

Perché l’Islam è diventato Islamista?

di Andrea e Mauro Gilli – Strade

Una delle più importanti questioni contemporanee riguarda la capacità dell’Islam di modernizzarsi, dove per Islam non si intendono soltanto i Paesi musulmani ma anche – se non soprattutto – le loro popolazioni, i loro valori, e le loro strutture sociali.

Il mondo islamico è caratterizzato da enormi sfaccettature al suo interno, in quanto si estende su un’area estremamente vasta che va dal Marocco nel Nord Africa all’Indonesia nel sud-est Asiatico, con diramazioni sia settentrionali, come nei Balcani, nel Caucaso, e nell’Asia Centrale, che meridionali, quali la Nigeria o il Sudan. Ciononostante, gli ultimi 15 anni hanno visto un generale stallo dal punto di vista socio-politico di questo eterogeneo blocco di Paesi e, in alcuni casi, addirittura un poderoso arretramento su questi fronti: in Stati quali l’Arabia Saudita o il Pakistan è difficile constatare dei significativi passi avanti verso democrazia e diritti umani; il terrorismo si è espanso anche ad aree dove prima era assente come la Tunisia; e infine il fondamentalismo e l’integralismo si sono allargati in zone in precedenza laiche e moderate, quali l’Egitto, la Turchia o la Siria.

Come spiegare questa transizione e, più in generale, la decennale arretratezza socio-politica dei Paesi musulmani? Nell’articolo cerchiamo di ragionare brevemente sulle cause di questo “fallimento”, pur consci che il quadro generale che cercheremo di trarre non rende giustizia delle singole peculiarità e differenze che esistono tra i vari Paesi islamici. Questo intervento per Strade è dunque uno spunto, che in futuro ci ripromettiamo di approfondire in modo più analitico.

Continue reading “Perché l’Islam è diventato Islamista?”

Non sarà il boom dei droni a incrinare la supremazia americana

di Andrea Gilli e Mauro Gilli (da Il Foglio, 27 Aprile 2016)

Se il sottomarino è stato tra le tecnologie militari che più hanno giocato un ruolo centrale nella Prima guerra mondiale, il radar durante la Seconda guerra mondiale e i missili da crociera nel corso della Prima guerra del Golfo, i droni – i famosi aerei senza pilota – sono indiscutibilmente la tecnologia militare che più ha caratterizzato la guerra al terrorismo lanciata all’indomani dell’11 settembre.

I droni esistono in diverse configurazioni, piccoli e grandi, ad ala fissa o rotante, armati o non armati, “stupidi” ovvero in grado di operare in automatico (per esempio di sorvolare un dato territorio sulla base di uno scenario pre-programmato) o autonomi, e quindi intelligenti: in grado cioè di compiere scelte complesse grazie alla loro intelligenza artificiale. Anthony Finn e Steve Scheding, nel loro volume “Development and Challenges for Autonomous Unmanned Vehicles: A Compendium” (Springer-Verlag, 2010), discutono nel dettaglio questi aspetti.

Durante la guerra al terrorismo, gli Stati Uniti hanno usato droni di diverse dimensioni principalmente per la raccolta di informazioni a terra tramite vari sensori di bordo (in gergo tecnico, “Intelligence, Surveillance and Reconnaissance”). Nel caso di piattaforme disarmate, i dati raccolti sono trasmessi in tempo reale ad altri sistemi che, a loro volta, procedono poi alla neutralizzazione del bersaglio, se necessario. Quando invece i droni sono armati, ovvero dotati di missili di precisione, come è il caso del RQ-1 Predator o del MQ-9 Reaper, è possibile portare a termine immediatamente un attacco. E’ in questa maniera che le file di al-Qaida e di altri gruppi radicali sono state decimate in Afghanistan, Pakistan, Somalia e Yemen. La storia relativa allo sviluppo del Predator è epica e molto americana: si uniscono imprenditorialità, genialità, finanza, difficoltà tecniche e pressante necessità di nuove tecnologie militari per affrontare la minaccia asimmetrica del terrorismo jihadista. Richard Wittle la racconta con precisione nel suo interessante “Predator: The Secret Origins of the Drone Revolution” (Henry Holt & Co., 2014).

Man mano che però il numero di attacchi portati a termine con droni armati da parte degli Stati Uniti è aumentato, molti commentatori hanno iniziato ad avere dubbi e preoccupazioni crescenti: prima relativamente alla legalità di questa pratica, poi alla sua legittimità, e successivamente alla sua efficacia. Un volume curato da Peter L. Bergen, della New America Foundation, e Daniel Rothenberg, della Arizona State University, intitolato “Drone Wars Transforming Conflict, Law, and Policy” (Cambridge University Press, 2014), offre un’ampia prospettiva sul tema. Ma il dibattito attualmente più importante riguarda un altro aspetto e, precisamente, il rischio che i droni si possano diffondere facilmente anche a rivali e avversari, con conseguenze negative per la stabilità e la sicurezza internazionale.

Tra i primi ad avanzare questa considerazione vi è Peter W. Singer, uno dei massimi esperti di guerra e tecnologia, già enfant prodige della Brookings Institution e autore di un libro proprio su droni e nuove tecnologie militari, “Wired for War: The Robotics Revolution and Conflict in the 21st Century” (Penguin Books, 2009). Nel 2011, Singer notava in un articolo per Foreign Policy che mentre durante tutta la Guerra fredda gli Stati Uniti hanno goduto del monopolio sulle principali tecnologie militari, nel campo dei droni il monopolio americano era andato perduto già molti anni prima. Tanto nel campo accademico che in quello dei policy maker, questo punto di vista è presto diventato dominante: da docenti come Michael Horowitz della University of Pennsylvania, tra i più promettenti accademici nel campo delle relazioni internazionali e autore di “The Diffusion of Military Power: Causes and Consequences for International Politics” (Princeton University Press, 2010) a Daniel L. Byman, esperto di antiterrorismo della Georgetown University, dal Defence science board del Pentagono in un suo fondamentale studio sul ruolo della robotica, “The Role of Autonomy in DoD Systems” (2012), fino a Robert O. Work, attualmente vicesegretario della Difesa, in un interessante rapporto intitolato “20YY: Preparing for War in the Robotic Age” (Center for New American Security, 2012), il consenso tra gli esperti è giunto alla conclusione che la relativa semplicità con cui è possibile produrre e operare droni stia favorendo la loro diffusione. Chiaramente, i primi a uscirne svantaggiati da questo sviluppo sarebbero gli Stati Uniti che, in un futuro non troppo lontano, si troverebbero, in primo luogo, a confrontarsi con nemici in possesso di tecnologie militari avanzate e, secondariamente, a operare in un contesto internazionale caratterizzato da maggiore instabilità e insicurezza proprio per via della diffusione di queste tecnologie.

Ma è davvero così? La rivoluzione robotica nel campo militare rischia davvero di indebolire l’egemonia americana? Nel corso degli ultimi cinque anni, abbiamo studiato a fondo quasi tutti i progetti industriali degli ultimi 25 anni lanciati in giro per il mondo e volti alla produzione di varie tipologie di droni. Abbiamo anche analizzato nel dettaglio tutte le campagne militari degli ultimi tre decenni, focalizzandoci in particolare su droni, o tecnologie analoghe quali missili di precisione e sensori ad alta definizione. La nostra analisi, pubblicata sulla rivista accademica Security Studies, non solo mette fortemente in discussione l’idea che i droni si stiano diffondendo velocemente e che questi siano facili da operare, ma anche che gli Stati Uniti possano in qualche maniera essere indeboliti dalla transizione tecnologica in atto.

Continua a leggere su Il Foglio.

Rassegna Stampa – Gilli&Gilli sui droni

di Redazione

La ricerca di Andrea Gilli e Mauro Gilli sulla diffusione di piattaforme aeree senza pilota, i così detti droni, è stata di recente pubblicata sulla rivista accademica Security Studies. Qui di seguito riportiamo l’abstract del paper:

Many scholars and policymakers are concerned that the emergence of drone warfare—a first step toward the robotics age—will promote instability and conflict at the international level. This view depends on the widely shared assumption among International Relations scholars that military hardware spreads easily, especially in the age of globalization and real-time communications. In this article, we question this consensus. Drawing from the literature in management, we advance a new theory of diffusion of military innovations and test its two underlying causal mechanisms. First, we argue that designing, developing, and manufacturing advanced weapon systems require laboratories, and testing and production facilities, as well as know-how and experience that cannot be easily borrowed from other fields. Second, we argue that the adoption of military innovations requires both organizational and infrastructural support. We test our two claims on three types of combat-effective drones: loitering attack munitions (LAMs), intelligence surveillance and reconnaissance drones (ISR), and unmanned combat autonomous vehicles (UCAVs). We find that even wealthy, advanced, and militarily capable countries such as the United States, the United Kingdom, Germany, and France have struggled to produce or adopt such platforms. We conclude that concerns about the diffusion of drone warfare appear significantly exaggerated, as do claims that globalization redistributes military power at the global level. More generally, our analysis sheds light on how the interaction between platform and adoption challenges affects the rate and speed of diffusion of different military innovations.

Una versione del paper prima della pubblicazione è disponibile sulla piattaforma academia.edu.

Il 4 Aprile, Andrea e Mauro hanno inoltre pubblicato sul blog dedicato alle scienze Monkey Cage del Washington Post, un articolo che riassume i risultati della loro ricerca.

La Russia serve per combattere ISIS?

di Andrea Gilli

All’indomani degli attacchi di Parigi, le relazioni tra l’Occidente (inteso come NATO/UE e Stati Uniti) e la Russia hanno fatto un poderoso salto in avanti, con la Russia proiettata a diventare un partner nella lotta all’ISIS. Gli osservatori sono divisi. Da una parte, secondo alcuni solo una cooperazione militare con la Russia può aiutare a sconfiggere questa nuova ondata di terrorismo islamista. Dall’altra, molti sono scettici se non contrari ad interagire con un autocrate che ha adottato, negli ultimi anni, politiche non solo discutibili ma anche destabilizzanti (si veda l’Ucraina). Chi ha ragione? A mio modo di vedere, nessuno dei due.

Continue reading “La Russia serve per combattere ISIS?”

Andrea Gilli – Premio European Defence Agency

di Redazione

Andrea Gilli ha vinto il premio per la miglior tesi di dottorato su European Defense, Strategy and Security assegnato dalla European Defence Agency e dall’Egomont Institute.

Il 16 novembre 2015, invitato all’assemblea annuale della European Defence Agency, Andrea Gilli ha tenuto un breve discorso con cui, riassumendo i punti chiave della sua tesi, ha illustrato alcune delle principali sfide alla cooperazione industriale-militare in europa. Il discorso è disponibile in calce.

Continue reading “Andrea Gilli – Premio European Defence Agency”