Uccidete la statistica!

di Michele Bottone e Antonio Mele

I due autori di queste brevi considerazioni, essendo curiosi di natura, hanno deciso di lasciare da parte la ritrosia a commentare le solite vacuità italiane e vederci piu chiaro sul dibattito brevemente infuriato la settimana scorsa sul film-documentario di Deaglio e Cremagnani sulle presunte manipolazioni alle elezioni politiche del 9 e 10 aprile 2006 (che potete trovare qui). Astraendo dalle considerazioni sul valore artistico del film – abbastanza noiosetto, per la veritá – questo documentario é un esempio di come la cultura statistica in Italia, al di fuori di pochi centri di eccellenza, faccia pena, e come si possa far credere qualsiasi cosa ai cittadini senza necessitá di essere particolarmente rigorosi. É ben noto che il dibattito politico italiano puó tranquillamente prescindere dai dati, o nel caso utilizzarli appositamente mistificati per convincere senza particolare contraddittorio. Tuttavia, cosa si puó dire sull’interrogativo posto dal film– chiamiamolo cosí, anche se gli autori usano il termine tabú – in termini scientifici?

Continua a leggere “Uccidete la statistica!”

Il declassamento del debito: implicazioni e politica economica

di Michele Bottone

Fitch e Standard & Poor’s, due delle tre principali aziende di rating del debito sovrano, hanno declassato il loro giudizio sull’Italia, portandolo la prima da AA ad AA-, e la seconda da AA- ad A+. Per la Standard & Poor’s è il secondo downgrade del debito italiano dopo quello del luglio 2004.

Uno sguardo d’insieme al debito sovrano

Un paese, proprio come gli individui e le imprese, ha vari modi di finanziare la sua attività quotidiana e i suoi investimenti: ricorrendo all’autofinanziamento attraverso risorse proprie, o facendo ricorso al mercato.

Continua a leggere “Il declassamento del debito: implicazioni e politica economica”