Perché l’Islam è diventato Islamista?

di Andrea e Mauro Gilli – Strade

Una delle più importanti questioni contemporanee riguarda la capacità dell’Islam di modernizzarsi, dove per Islam non si intendono soltanto i Paesi musulmani ma anche – se non soprattutto – le loro popolazioni, i loro valori, e le loro strutture sociali.

Il mondo islamico è caratterizzato da enormi sfaccettature al suo interno, in quanto si estende su un’area estremamente vasta che va dal Marocco nel Nord Africa all’Indonesia nel sud-est Asiatico, con diramazioni sia settentrionali, come nei Balcani, nel Caucaso, e nell’Asia Centrale, che meridionali, quali la Nigeria o il Sudan. Ciononostante, gli ultimi 15 anni hanno visto un generale stallo dal punto di vista socio-politico di questo eterogeneo blocco di Paesi e, in alcuni casi, addirittura un poderoso arretramento su questi fronti: in Stati quali l’Arabia Saudita o il Pakistan è difficile constatare dei significativi passi avanti verso democrazia e diritti umani; il terrorismo si è espanso anche ad aree dove prima era assente come la Tunisia; e infine il fondamentalismo e l’integralismo si sono allargati in zone in precedenza laiche e moderate, quali l’Egitto, la Turchia o la Siria.

Come spiegare questa transizione e, più in generale, la decennale arretratezza socio-politica dei Paesi musulmani? Nell’articolo cerchiamo di ragionare brevemente sulle cause di questo “fallimento”, pur consci che il quadro generale che cercheremo di trarre non rende giustizia delle singole peculiarità e differenze che esistono tra i vari Paesi islamici. Questo intervento per Strade è dunque uno spunto, che in futuro ci ripromettiamo di approfondire in modo più analitico.

Continua a leggere “Perché l’Islam è diventato Islamista?”

Annunci

Andrea Gilli sul sito del Sistema di Informazione

di Redazione

Andrea Gilli ha scritto un breve contributo per il sito del Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica in cui analizza le implicazioni degli attentati terroristici avvenuti a Bruxelles a metà marzo.

Rassegna Stampa – Gilli&Gilli sui droni

di Redazione

La ricerca di Andrea Gilli e Mauro Gilli sulla diffusione di piattaforme aeree senza pilota, i così detti droni, è stata di recente pubblicata sulla rivista accademica Security Studies. Qui di seguito riportiamo l’abstract del paper:

Many scholars and policymakers are concerned that the emergence of drone warfare—a first step toward the robotics age—will promote instability and conflict at the international level. This view depends on the widely shared assumption among International Relations scholars that military hardware spreads easily, especially in the age of globalization and real-time communications. In this article, we question this consensus. Drawing from the literature in management, we advance a new theory of diffusion of military innovations and test its two underlying causal mechanisms. First, we argue that designing, developing, and manufacturing advanced weapon systems require laboratories, and testing and production facilities, as well as know-how and experience that cannot be easily borrowed from other fields. Second, we argue that the adoption of military innovations requires both organizational and infrastructural support. We test our two claims on three types of combat-effective drones: loitering attack munitions (LAMs), intelligence surveillance and reconnaissance drones (ISR), and unmanned combat autonomous vehicles (UCAVs). We find that even wealthy, advanced, and militarily capable countries such as the United States, the United Kingdom, Germany, and France have struggled to produce or adopt such platforms. We conclude that concerns about the diffusion of drone warfare appear significantly exaggerated, as do claims that globalization redistributes military power at the global level. More generally, our analysis sheds light on how the interaction between platform and adoption challenges affects the rate and speed of diffusion of different military innovations.

Una versione del paper prima della pubblicazione è disponibile sulla piattaforma academia.edu.

Il 4 Aprile, Andrea e Mauro hanno inoltre pubblicato sul blog dedicato alle scienze Monkey Cage del Washington Post, un articolo che riassume i risultati della loro ricerca.