Cosa cambia davvero con la riforma del MES: lo psicodramma e la realtà