“Working poor” all’americana: credito d’imposta che non disincentiva il lavoro