La fine della crisi o un’aspirina?