Il nostro spread di credibilità resta alto

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Inutile sprecare tempo in reazioni di sdegno patriottico sui sorrisi scambiati tra Herman Van Rompuy e José Manuel Barroso in conferenza stampa al vertice di Bruxelles. La reazione ha fatto seguito alla domanda di un giornalista italiano sulla volontà di Renzi di combattere l’euroscetticismo aumentando il potere d’acquisto delle famiglie e facendolo, all’occorrenza, anche in deficit. Difficile quindi attendersi reazione differente dall’ortodosso richiamo all’applicazione delle regole.

Continua a leggere “Il nostro spread di credibilità resta alto”

Non ci resterà che la patrimoniale

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Le recenti affermazioni dell’ex ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, secondo cui la crescita del Pil per il nostro paese contenuta nell’ultimo aggiornamento Def non si dovrebbe assumere come previsione ma come obiettivo non hanno avuto l’eco mediatica e politica che avrebbero meritato. Quei numeri, con crescita di Pil reale dell’1% e nominale del 2,9%, sono apparsi infatti da subito devianti rispetto alle previsioni dei maggiori organismi internazionali. L’avvertimento Ue che l’Italia è l’unico paese dell’Eurozona a trovarsi in condizioni di “squilibrio macroeconomico eccessivo” ha suscitato da noi le abituali reazioni di stupore, indignazione ma anche la singolare risposta di Saccomanni. Ciò pare suggerire che da noi si viva immersi in un sortilegio permanente, che impedisce di cogliere la realtà.

Continua a leggere “Non ci resterà che la patrimoniale”

L’era di Matteo Renzi, tra legittime speranze e cinica realtà

di Mario Seminerio – Strade Online

L’Italia che Renzi si accinge a governare non è diversa da quella degli anni precedenti, né sono diversi gli strumenti che egli ha a disposizione, rispetto ai suoi predecessori. Ma la discontinuità che propone all’Italia è profonda, e sarà il tempo a dirci se la sua predicazione sarà stata genuina o strumentale e se sarà rigettata dal corpo profondo di un paese che si ostina a rifiutare di fare i conti con la realtà. Se sarà davvero un cambio di verso, o piuttosto l’ennesimo giro di ruota.

Continua a leggere “L’era di Matteo Renzi, tra legittime speranze e cinica realtà”