Due crisi diverse ma convergenti

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

La fase di sollievo dei mercati, dopo le decisioni assunte dal vertice europeo di giovedì scorso, pare essere durata molto poco. L’euforia ha ceduto il passo ai dubbi e la regola aurea resta che, in caso di dubbi, si vende. Il fondo di stabilizzazione europea (EFSF), al quale pare essere stato attribuito il ruolo di embrione di un qualcosa che Nicolas Sarkozy ha definito Fondo Monetario Europeo, resta con una dotazione al momento invariata e pari a 440 miliardi di euro, comprensivi delle garanzie prestate dai paesi dell’Eurozona per riuscire a conseguire il massimo rating e poter quindi raccogliere fondi sui mercati dei capitali a condizioni vantaggiose. Il problema, tuttavia, è quello di votare l’aumento delle sue munizioni, passando per le forche caudine delle approvazioni nei singoli parlamenti nazionali.

Continua a leggere “Due crisi diverse ma convergenti”

Pubblicità