Il mensile – Agosto 2010

Economia Maggioranze silenziose e minoranze rumorose: il rapporto tra il Gop e i Tea Parties Il sorpasso (provvisorio) della Cina L’America al bivio fiscale Federalismo, la scatola vuota Relazioni Internazionali Politica interna e politica internazionale La guerra (in)finita L’Iran, Israele e quella risposta militare che non arriva mai Intervista su Radio Italia a proposito dei … Continua a leggere Il mensile – Agosto 2010

Politica interna e politica internazionale

di Andrea Gilli

Quest’estate di politica interna italiana è stata tra le più deprimenti che si fossero mai registrate. Si è riusciti così a scavare un ulteriore buco dopo il fondo toccato con l’estate delle escort lo scorso anno. Epistemes non si è mai occupata né intende occuparsi di queste faccende – né vuole prenderne parte. In questa guerra che si è scatenata nella coalizione di Governo alcuni giorni fa è stata buttata la politica estera. E’ il caso di dire due parole.

Continua a leggere “Politica interna e politica internazionale”

Maggioranze silenziose e minoranze rumorose: il rapporto tra il Gop e i Tea Parties

di Mario Seminerio – Libertiamo

Negli Stati Uniti, mentre il Partito Democratico si avvia mestamente verso la disfatta annunciata di midterm, i Repubblicani sono posti di fronte, probabilmente senza particolare consapevolezza, alla grande sfida di una elaborazione programmatica che possa offrire una possibilità di riscatto all’America, incamminata verso un Decennio Perduto fatto di crescita trascurabile, elevata disoccupazione, disinflazione/deflazione e mercato immobiliare in depressione.

Continua a leggere “Maggioranze silenziose e minoranze rumorose: il rapporto tra il Gop e i Tea Parties”

Il sorpasso (provvisorio) della Cina

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano

Secondo le principali grandezze economiche, nel secondo trimestre di quest’anno la Cina avrebbe superato il Giappone come seconda economia mondiale, appena sette mesi dopo aver conquistato la terza posizione. Il Pil giapponese del secondo trimestre, infatti, è cresciuto al passo annualizzato di solo lo 0,4 per cento, di molto inferiore rispetto al più 4,4 per cento del primo trimestre.

Continua a leggere “Il sorpasso (provvisorio) della Cina”

L’America al bivio fiscale

di Mario Seminerio – Libertiamo

Il prossimo novembre, in occasione delle elezioni di midterm, gli abitanti dello stato di Washington dovranno pronunciarsi anche sull’introduzione, per la prima volta, di un’imposta statale sui redditi. L’iniziativa è di un importante sindacato e di Bill Gates senior, facoltoso avvocato nonché padre del fondatore di Microsoft. La proposta prevede l’introduzione di un’imposta del 5 per cento sui redditi superiori a 200.000 dollari annui per i single o a 400.000 dollari per le coppie sposate. L’aliquota salirebbe al 9 per cento per i single oltre i 500.000 dollari annui di imponibile, o 1 milione di dollari per le coppie sposate.

Continua a leggere “L’America al bivio fiscale”

Il realismo classico – Capire le Relazioni Internazionali/3

di Mauro Gilli

In un precedente articolo ho illustrato molto brevemente quali sono le origini del realismo: i contributi chiave che hanno creato le fondamenta della scuola realista in relazioni internazionali, e più recentemente delle teorie realiste. In questo articolo voglio brevemente riassumere quello che è il “Realismo Classico”, ovvero quella corrente di pensiero sviluppatasi prevalentemente dopo la fine della prima guerra mondiale in risposta al diffondersi dell’applicazione dell’approccio liberale nella conduzione della politica estera.

Continua a leggere “Il realismo classico – Capire le Relazioni Internazionali/3”

Federalismo, la scatola vuota

di Mario Seminerio – Libertiamo

In un editoriale su la Stampa, Luca Ricolfi spiega in modo impeccabile perché stiamo dibattendo sul nulla, riguardo il federalismo. Come in un gioco di specchi, il governo procede speditamente ad approvare decreti delegati che rimandano a passaggi successivi. Ricolfi cita il caso della fiscalità municipale, rispetto alla quale manca la quantificazione fondamentale relativa alla spesa attivabile da ogni comune, e quella sulla pressione fiscale locale, cioè su quanto la municipalità andrà inizialmente a richiedere ai cittadini. Questi sono i due pilastri sui quali poggia il celeberrimo “potere di spesa e di presa” di cui parla il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti.

Continua a leggere “Federalismo, la scatola vuota”