Sull’inutilità delle organizzazioni internazionali