Europa, attenta alla sindrome islandese