Il nuovo mondo multipolare – risposta ad Angelo Panebianco

di Andrea Gilli

La crisi finanziaria ha delle implicazioni sulla struttura delle relazioni politiche internazionali? Sul Corriere della Sera del 10 Ottobre, Angelo Panebianco sembra suggerire di sì. Con un’interessante analisi, secondo il politologo bolognese staremmo verosimilmente entrando in una fase multipolare della storia internazionale. Purtroppo, aggiunge sempre Panebianco, ci sono molti motivi per temere che questa nuova fase sia più insidiosa e pericolosa dell’attuale.

Il giudizio di Panebianco è per molti versi condivisibile, se non altro perchè di multipolarizzazione delle relazioni internazionali, su Epistemes, ne parliamo praticamente da due anni. Nel suo articolo vi sono però almeno tre grandi contraddizioni che stupiscono sia per la loro grossolanità che per il fatto che sia stato uno studioso serio come Panebianco ad averle commesse.

Continua a leggere “Il nuovo mondo multipolare – risposta ad Angelo Panebianco”

L’Iran e leggende che diventano realtà – Risposta a Barry Rubin

di Mauro Gilli

Spesso, a forza di ripetere una storia, ci si convince che sia vera. E’ quello che è successo negli ultimi anni per quanto riguarda la liberazione degli ostaggi americani rapiti in Iran dopo la rivoluzione khomeinista del 1979. Stando alle interpretazioni di alcuni opinionisti, il regime di Teheran avrebbe liberato i 52 ostaggi americani per via del timore che la nuova amministrazione guidata da Ronald Reagan potesse rispondere in modo duro al torto subito. Secondo questa vulgata, prima ancora che Reagan alzasse un dito (la liberazione avvenne proprio pochi minuti dopo che Reagan assumesse la carica di Presidente degli Stati Uniti), gli ayatollah, spaventati da cosa potesse capitare loro, si sarebbero fatti prendere dalla paura, e avrebbero deciso di venire a più miti consigli.
Continua a leggere “L’Iran e leggende che diventano realtà – Risposta a Barry Rubin”