Calano le ore lavorate, non i licenziamenti