Spese, maledette spese

3 pensieri su “Spese, maledette spese”

  1. Gentilissimo professore, come costringere Berlusconi Walter e Veltroni Silvio (gulp!) a rispondere nel merito di questo suo articolo e a dichiarare pubblicamente che diavolo hanno in mente per spezzare il circolo vizioso?

    "Mi piace"

  2. Giovanni, rispondo io al posto dei professori. Spero non le dispiaccia.

    Prossimamente, su queste pagine e su quelle di noiseFromAmerika.org sara` pubblicato un ulteriore articolo, contenente un’analisi dettagliata dei consumi in Italia negli ultimi vent’anni (dati permettendo). Dopodiche`, faremo le nostre proposte di politica economica. Quelle che noi riteniamo essere necessarie per l’economia italiana. Il caso e` quasi disperato, ma, forse, qualcosa si puo` ancora fare.

    Come fa giustamente notare, occorre, pero`, spezzare il circolo vizioso. Occorrerebbe indurre Berlusconi e Veltroni (cito loro due perche` sono i candidati premier alle prossime elezioni politiche, ma il discorso vale ad ogni livello, naturalmente) a considerare proposte e politiche sensate, lasciando perdere le solite misure populiste (nel migliore dei casi) o prive di ogni logica cui ci hanno abituato e che non risolvono un bel niente. Questo significa che il cittadino dovra` fare la sua parte: le riforme e le politiche necessarie sono socialmente costose, e quanto piu` si aspettera`, tanto piu` il costo della loro implementazione sara` elevato. Prima di giungere al punto di non ritorno, al di la` del quale il declino diventa inevitabile. Difficile che un politico metta in pericolo una sua possibile rielezione per realizzare politiche necessarie ma che non gli faranno di certo guadagnare voti. Ma vogliamo essere ancora ottimisti, e forse un po’ ci speriamo!

    Spero che continui a leggerci, in attesa delle prossime, imminenti, analisi a riguardo.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.