No al rating di stato, più mercato