Quei “sì, però…” che non ci piacciono/2

di Antonio Mele

Tra i famosi “fallimenti del mercato” esiste quello dovuto ad asimmetrie informative: se gli individui hanno accesso ad informazioni a cui nessun altro ha accesso, la concorrenza perfetta produce risultati inefficienti. In particolare, può creare il fenomeno della selezione avversa: ai prezzi di mercato, si effettuano solo gli scambi di beni di qualità peggiore. Se il mercato in questione è quello assicurativo, per esempio, solo gli individui a maggior rischio di incorrere in un incidente acquisteranno una polizza. In tal caso, il mercato può semplicemente collassare: le imprese fronteggiano un risarcimento medio troppo elevato, che determina perdite economiche: la polizza offerta non è profittevole, il mercato cessa di esistere. In tal caso, la teoria corrente mostra come un pianificatore sociale benevolente ha la possibilità di migliorare l’esito di mercato intervenendo direttamente, anche se non è in grado di eliminare del tutto l’inefficienza. Ma è sempre vero?
Continua a leggere “Quei “sì, però…” che non ci piacciono/2”

Pubblicità