Cyberstrategy

2 pensieri su “Cyberstrategy”

  1. La teoria secondo la quale il commercio assicura la pace ha almeno due difetti:

    1. Assume che l’interesse dello stato sia massimizzare la ricchezza nazionale: ma questa al più è solo un mezzo per la classe dirigente, non certo il fine.

    2. Trascura il fatto che un paese piccolo come l’Estonia non possa avere un impatto notevole sull’economia russa neanche se il punto #1 valesse.

    Se l’UE minacciasse ritorsioni economiche contro attacchi contro ognuno dei suoi membri il punto #2 si potrebbe risolvere (del resto, “l’acquiescenza dei sudditi ha creato più tiranni della violenza dei tiranni stessi”). Rimarrebbe il punto #1, che merita un’analisi più approfondita.

    In linea di massima ritengo che l’ovvio fatto per cui i costi e i benefici dei governati siano diversi da quelli dei governanti faccia sì che sia relativamente facile che uno stato adotti politiche dannose per i propri cittadini; proprio per questa “irrazionalità” (che tale non è) non si deve mai confidare sul buonsenso, in politica.

    Che perà coeteris paribus aumentare i costi dell’aggressione ne riduca l’entità e la probabilità è sempre vero (peccato per il coeteris paribus!), quindi penso che una politica di ritorsioni da parte europea possa scoraggiare il Cremlino dall’adottare tecniche imperialiste che sfruttano le divisioni per… imperare.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.